È L’ISTITUTO “ CATALANO-MOSCATI “ L’APRIPISTA IN CITTÀ IN UN LODEVOLE PROGETTO DELLA ASL DI FOGGIA

SENSIBILIZZARE NELLE SCUOLE PER CONTRASTARE E PREVENIRE LE DIPENDENZE DA GIOCO ON LINE

Avatar utente

Personale scolastico

Docente

Ammirevole sensibilizzazione della nostra città di Foggia programmata dalla ASL con per contrastare e prevenire comportamenti patologici del gioco on line e nel gioco d’azzardo.
Giorno 23 febbraio presso la Sala Giubileo della Parrocchia di Gesù e Maria si è tenuta una conferenza stampa di avvio di un progetto inerente questa scottante tematica che affligge soprattutto i più giovani. Interventi interessanti e motivanti di sensibilizzazione e di collaborazione tra comunità di settore che operano nella nostra città hanno veicolato la collaborazione tra Dipartimento Dipendenze Patologiche della ASL, rappresentato dal dott. Tommaso Del Giudice , insieme alla referente del G.A.P di Foggia dott.ssa Isabella Lanzillotta, alla Dirigente Scolastica dell’Istituto comprensivo “Catalano-Moscati”, dott.ssa Antonella lo Surdo e l’OFS (Ordine Francescano Secolare) “Pietre Vive” con il suo referente Piergiorgio Bibo’.
L’Istituto “Catalano Moscati”, sempre presente e attivo in relazione alle emergenze sociali, è intervenuto con la sua Dirigente, dott.ssa Antonella lo Surdo, che ha evidenziato che l’istituto è onorato e pronto per questa campagna di sensibilizzazione in quanto “la scuola deve essere il luogo di una forte formazione ed educazione oltre che il luogo dei saperi. Costruiamo ogni giorno – continua la Dirigente – una scuola dell’apertura come contesto privilegiato dove criticità sociali possano essere prevenute. La nostra scuola ha anche questa missione, quella di essere attenta ai sani stili di vita per il benessere di ogni ragazzo e nell’intento di evitare eventuali fragilità e devianze”.
Il gioco d’azzardo ha preso piede soprattutto dopo il lockdown – sostiene il dott. Del Giudice – cioè quando è aumentata la percentuale di minori che usano mezzi tecnologici per il gioco on line fino al gioco d’azzardo. Il dottore, referente del SERD- di Foggia, nel suo intervento ha dato importanza alla solitudine, all’isolamento che conduce il più delle volte a fragilità pericolose. Il progetto sarà presentato ai docenti e alle famiglie della “Moscati ” per poi proseguire nei gruppi classe soprattutto di terza secondaria.
Dopo la Scuola secondaria “Moscati” scuola pilota e apripista, auspichiamo che tali sensibilizzazioni possano ripetersi in tutte le scuole per il bene della nostra società cittadina”

Skip to content